torna al Blog
Categorie
Mindset

Networking: Come farlo e perché è così importante

Fare networking può cambiare la tua vita lavorativa. Vediamo insieme come farlo e perché è così importante.

Quanto è importante una stretta di mano?

Spesso stringiamo relazioni e conosciamo persone, anche senza dargli troppa importanza. Ci servirà mai quella conoscenza? Quanto quella scelta impatterà sul nostro futuro?

Sta a noi stabilire tutto questo, ma è necessario capire prima di cosa stiamo parlando.

In questo articolo si parlerà di:

  • Cos’è il networking e perché è importante
  • 3 modi per rompere il ghiaccio durante un meeting
  • Come impostare una conversazione di successo
  • Creare una rete che duri per la vita

Cos’è il networking e perché è importante

Networking cosa è

Secondo il Cambridge Academic Content Dictionary, il networking è:

Il processo di incontrare e comunicare con tante persone al fine di ottenere informazioni che possano esservi utili”.

Sfatiamo questo dubbio:

“Ma a cosa mi serve se non ho un lavoro?”

Crearti una rete di contatti e intraprendere nuovi rapporti potrebbe aprirti innumerevoli sbocchi professionali o, ad ogni modo, farti trovare degli amici per tempi buoni e cattivi.

Certo, ci vuole pazienza, però, se riuscirai a farlo, ti arricchirai non solo umanamente, ma anche lavorativamente, superando i tuoi limiti, ampliando la visione del tuo ruolo, ascoltando persone che stanno combattendo le tue stesse sfide e confrontandoti con chi ha idee diverse dalle tue.

Il Super Coach di Digital Marketing Federico Sbandi ne spiega l’importanza di applicarlo all’università e in eventi fisici in questo video.

Ora hai capito in cosa consiste il networking. È una relazione reciproca basata sulla costanza nel condividere idee, consigli e contatti.

È interessante notare che il verbo è al presente progressivo (-ing form) che indica qualcosa che continua nel tempo.

Le relazioni hanno valore solo se curate ed alimentate.

Ricorda, l’obiettivo non è finire i biglietti da visita ma puntare sulla qualità di quello che si vuole costruire e coltivare.

Guardiamo in faccia la realtà: nessuno vi regalerà mai niente.

Nessuno entrerà in contatto con voi se tentate di fargli un pitch fin da subito, soprattutto se non avete nulla di concreto da offrire.

Se imparate a porvi nel modo giusto le persone saranno incuriosite dalla vostra sicurezza e dal modo di presentarvi.

Come fare networking: 3 modi per rompere il ghiaccio durante un meeting

Come fare networking

Ti è mai capitato di trovarti circondato da persone che non conosci? Imbarazzante, vero?

La chiave per dare una buona impressione di sé è la sicurezza. Anche se non sai da dove iniziare, se sei lì è perché la tematica è di tuo interesse, quindi avrai sicuramente qualcosa da dire.

Ecco 3 consigli per abbattere l’imbarazzo:

  • Trova qualche interesse in comune. Sembra banale, ma quando ti senti a disagio perché non sai cosa dire e non hai preparato niente per l’evenienza, avviare una conversazione che possa coinvolgere chi ti circonda è di solito un buon inizio. Ricorda che questo può variare da persona a persona. Questo ci porta al punto 2.
  • Prepara una presentazione efficace. Se sei proattivo non ti farai certo trovare impreparato. Fissa un obiettivo e sviluppa un discorso di 15-30 secondi, un discorso catchy e che ti distingua dagli altri. Sii concreto e arriva dritto al punto.
  • Sii aperto. Far vedere un po’ più di noi stessi è un ottimo modo per creare relazioni. Se ci mostriamo per quelli che siamo, gli altri saranno più propensi a fare lo stesso. Condividendo qualcosa di profondo non saremo dimenticati nel breve termine e potremmo addirittura avere la possibilità di un incontro futuro.

Come impostare una conversazione di successo

Non esistono regole scritte su come avere successo ma essere sé stessi, essere generosi, non parlare sempre di lavoro e — soprattutto — ascoltare sono i primi passi per conquistare i tuoi interlocutori.

  • Sii te stesso. Se stai intrattenendo una conversazione con qualcuno, non devi mostrare un altro te. Sii onesto su cosa puoi offrire, su chi sei e su ciò di cui hai bisogno. Non farti intimorire da nulla: hai del potenziale; tanto da dire, da offrire e da dare. Non puntare sull’essere perfetto ma mostrati nel modo più sincero possibile e sarai apprezzato di più.
  • Non essere avaro. Tutti hanno bisogno di allargare la propria rete di conoscenze e tu puoi essere la loro risposta. Sii d’aiuto quando puoi, fallo in modo spassionato. Ovviamente sta a te mettere i paletti necessari. Sarai considerato affidabile e le persone non tarderanno a renderti il favore (1° principio di persuasione, dott. R. Cialdini).
  • Va’ oltre il lavoro. Un errore molto comune è parlare sempre e solo di lavoro. Spesso, invece di vedere persone, si rischia di vedere banconote con dei corpi. Le persone hanno bisogno di amicizie, hanno una vita oltre il lavoro. Se vuoi fare colpo devi interessarti di quella piuttosto che stressarli per chiudere affari. Fa’ domande che permettano agli altri di aprirsi, poi immedesimati nei loro panni.
  • Ascolta. È facile iniziare a parlare e non accorgersi di stare annoiando chi abbiamo di fronte con i nostri sproloqui. Saper ascoltare è più utile di saper parlare quando si tratta di un primo contatto. Sarai una risorsa importante se in te vedranno una spalla invece che un opportunista. Guadagnerai tante persone che vorranno frequentarti anche dopo il primo incontro. Chiunque sta parlando con te vorrà conoscerti di più se si sente ascoltato e non avverte secondi fini. Non tutti sono capaci di tenere alta l’attenzione e farlo in modo sincero, ecco perché consiglio di leggere questo articolo.

Ricorda sempre che: in un gruppo di persone, ci sarà sempre qualcuno da cui imparare qualcosa.

Creare una rete che duri per la vita

Fare networking

Ora che abbiamo le idee chiare su cosa sia il networking sappiamo anche che non si tratta solo di ottenere qualcosa, vendere qualche prodotto e acquisire clienti.

Alla base di una rete solida ci deve essere fiducia reciproca, oltre che uno scambio vantaggioso per ambo le parti.

Se i nostri obiettivi sono i primi sarà difficile crearne una che duri.

Spesso lo pratichiamo senza neanche accorgercene (ad esempio quando scambiamo opinioni con un amico, quando chiediamo consigli ad un professore, quando collaboriamo ad un progetto con un collega universitario).

Ciononostante, far crescere un network può essere molto impegnativo. Per questo avere le idee chiare su chi includere nei tuoi contatti può salvarti la vita. Se non scegli i compagni di viaggio giusti rischierai di lasciare una pessima impressione di te non riuscendo a coltivare un rapporto costante con tutti.

La cosa più importante nelle relazioni è riuscirle a mantenere nonostante distanza. Non c’è un nessuna tecnica vincente ma inviare una mail per approfondire gli argomenti che avete trattato e seguire quelle persone sui loro canali social può fare al caso tuo.

Il mio consiglio è sempre quello di creare una rete che funzioni soprattutto offline. Sì, è difficile vedersi fisicamente ma i meeting servono anche a questo, a conoscere gente nuova e coltivare relazioni già esistenti.

Quindi, la risposta alla domanda “Come rendo tutto questo qualcosa che possa durare nel tempo?” è sii presente.

Le persone intorno a te devono sentirsi importanti, apprezzate e valorizzate.

Conclusione

Networking agli eventi

Il networking è ogni relazione che intratteniamo, ogni scambio di opinioni, ogni risata, ogni parola.

È a lavoro, è al parco, è in piazza, al cafè, in ascensore… è dove vuoi! Dovunque ci siano persone che reputi interessanti per iniziare una conversazione. Nulla di così complicato, basta essere disponibili.

Inoltre, esistono degli eventi che hanno proprio come scopo l’allargare la propria cerchia di persone. Per esempio, start2impact organizza regolari eventi per la sua community dove potersi incontrare e scambiare opinioni.

Se vuoi unirti alla più grande community di giovani interessati al digitale e ai lavori del futuro, scopri start2impact! Troverai teoria, pratica, lavoro, e una community affiatata, tutto in un’unica piattaforma.


Non perderti il prossimo blog post. Seguici su Telegram!