cosa fare dopo il diploma
 | 

Cosa fare Dopo il Diploma: 5 Consigli per Trovare la tua Strada

Hai da poco finito la scuola e non sai cosa fare dopo il diploma? Oggi vedremo insieme 5 consigli per rispondere a questa importante domanda!

Prendere il diploma è certamente un passo importante.

Si tratta del raggiungimento di un traguardo incredibile, frutto di anni di studio, impegno e magari anche qualche sacrificio, ed è giusto festeggiarlo.

Ma quando le luci si spengono, quando ci lasciamo alle spalle le porte di una scuola che ci ha ospitato per tanto tempo, molte cose sembrano cambiare.

Vediamo i nostri compagni di classe prendere strade diverse: qualcuno si trasferisce, altri iniziano l’università, altri ancora cominciano a lavorare.

Ci sembra quasi che tutti i nostri coetanei abbiano subito deciso cosa fare dopo aver preso il diploma.

Sembra, ma non è detto che sia così.

Anzi, non avere subito le idee chiare su cosa fare dopo il diploma, è assolutamente normale!

Finire le superiori coincide con l’inizio di una nuova fase della nostra vita e, questa consapevolezza, delle volte può spaventarci o renderci indecisi.

Ecco perché oggi cercheremo di rispondere insieme alla fatidica domanda “Cosa fare dopo il diploma?” sviscerando questi 5 punti:

  1. Andare all’Università: per alcuni è la scelta migliore, per altri no, vediamo per te;
  2. Fare un’esperienza di au pair: in cosa consiste e perché ti potrebbe essere utile;
  3. Prendersi un anno sabbatico: alcuni lo amano e altri lo odiano, capiamo perché;
  4. Sviluppare un progetto personale: investi sulle tue passioni per capire cosa ti piace;
  5. Formarsi nelle competenze digitali: un nuovo mondo da esplorare e in cui trovare lavoro.


1. Frequentare l’Università

corso di formazione post diploma

Ok, forse questa te l’aspettavi.

So che può sembrare la scelta più ovvia, ma scegliere di frequentare l’Università è necessario per poter svolgere determinati lavori: medico, ingegnere, avvocato, architetto e così via. 

Ma prima di fare questo passo e iscriversi ad una facoltà, è fondamentale fermarsi e pensare se si tratta della scelta giusta.

Fermandoci, infatti, abbiamo modo di capire quali sono sono le nostre passioni e se magari, frequentando l’Università, abbiamo modo di trasformarle in un lavoro.

La cosa più importante è non prendere una determinata decisione solo perché “Lo fanno tutti” o perché “Si è sempre fatto così”

Se scegliamo di intraprendere il percorso universitario perché pensiamo di dover decidere subito cosa fare dopo il diploma, rischiamo soltanto di perdere altro tempo!

Affrontare un lungo periodo di studi, senza le giuste intenzioni, rischia solo di renderci frustrati e insoddisfatti, perché studiare qualcosa che non ci piace richiederà il doppio del nostro sforzo.

Frequentare l’Università, quindi, potrebbe non rivelarsi la scelta migliore per tutti e dipende fortemente da ciò che si vuole fare “da grandi”.

Se non siamo sicuri si tratti della scelta giusta per noi, possiamo sempre percorrere un altro sentiero.

Senza sentirci in colpa.


2. Fare un’esperienza di au pair 

non so cosa fare dopo il diploma

Hai mai desiderato scoprire posti nuovi, aiutare gli altri e, magari, ricevere anche un compenso economico?

Sappi che esperienze simili sono possibili e, se non sai cosa fare dopo il diploma, l’au pair è la giusta soluzione per vivere esperienze stimolanti e formative!

Aiuterai una famiglia nell’educazione dei bambini e ti occuperai di lavori domestici leggeri in cambio di vitto, alloggio e remunerazione. 

Ma cosa la rende una situazione davvero stimolante?

Farai tutto questo all’estero, vivrai appieno una cultura differente dalla tua e parlerai per tutto il tempo una lingua diversa dall’italiano.

Se hai raggiunto i 18 anni e non sai cosa fare dopo il diploma, l’au pair può essere una risposta concreta alla tua domanda.

Pensa che avrai l’occasione di migliorare il tuo spirito di adattamento, di responsabilità e arricchire il tuo bagaglio culturale!

Sarai ospite di una famiglia locale, ti prenderai cura degli altri e nel frattempo diventerai più indipendente.

I posti in cui viaggiare e vivere quest’esperienza ormai sono pressoché migliaia: puoi optare per una città europea, una asiatica o andare addirittura in America!

Di solito, poi, chi sceglie di vivere l’au pair segue un orario di lavoro part time e ha la possibilità di studiare la lingua del paese ospitante.

In sostanza, quest’avventura non solo ti permette di muovere i primi passi nel mondo del lavoro subito dopo il diploma, ma arricchisce il tuo Curriculum rendendolo un profilo internazionale!

AuPair.com è uno dei siti più famosi che offre diversi tipi di servizi per renderti l’esperienza piacevole e, soprattutto, sicura.

L’agenzia offre consigli ai giovani e alle famiglie ospitanti per assicurarsi un match perfetto da entrambe le parti e forniscono tutte le info necessarie affinché tutti possano vivere un’esperienza indimenticabile!

Ti consiglio di darci un’occhiata.


3. Prendersi un anno sabbatico

anno sabbatico scuola

E se per un anno non scegliessi nulla? Se investissi del tempo per te?

C’è chi lo condanna, chi lo evita, chi lo consiglia, ma una cosa è certa: prendersi un anno sabbatico è una scelta personale.

Per anno sabbatico si intende un’interruzione momentanea delle attività lavorative e formative di una persona, per vivere un periodo in cui, semplicemente, ci si prende del tempo per se stessi.

Anche in questo caso, se dopo aver preso il diploma non abbiamo la più pallida idea di cosa vogliamo fare, piuttosto che prendere una decisione in fretta e poi, magari, tornare sui nostri passi, possiamo scegliere di fermarci.

Un anno sabbatico può aiutarci a capire come trovare la nostra strada, perché ci permette di concentrarci su noi stessi e sulle nostre esigenze.

Siamo abituati ad ascoltare i consigli di amici e parenti e, per la maggior parte delle volte, questi suggerimenti ci vengono dati da persone che hanno a cuore il nostro futuro e che vogliono davvero solo il meglio per noi.

Non dimentichiamoci, però, che il nostro percorso di vita deve rendere soddisfatti noi stessi e non dobbiamo perseguire gli obiettivi che gli altri si aspettano da noi.

Un anno sabbatico può aiutarci a prendere maggiore consapevolezza delle nostre potenzialità, di quello che possiamo fare, come migliorare e in sostanza, ascoltare noi stessi.

Perché il tempo che investiamo nella nostra crescita personale non è mai tempo perso.

Per avere una visione chiara e concreta su cosa fare durante un anno sabbatico, ti consiglio di guardare questo video di Gherardo Liguori, CEO e Co-Founder di start2impact.


Con le sue parole, Gherardo offre consigli su come superare la paura di intraprendere un anno sabbatico.

Soprattutto, pone l’attenzione su come la “perdita” di un anno, in correlazione a una vita intera, non sia poi così grave come può apparire dall’esterno.


4. Sviluppare un progetto personale 

corso dopo scuola

Hai presente quel video su Youtube che hai sempre voluto girare?

Quel sito web che volevi aprire e che hai continuato a rimandare?

Quell’articolo super interessante che non hai mai finito di scrivere?

Bene, questo è quello che potresti fare una volta finita la scuola: investire del tempo in un progetto personale.

Verticalizzare le nostre conoscenze, investire sulle nostre passioni e cercare di trasformarle in lavoro, può essere un’ottima soluzione per capire cosa fare dopo il diploma!

Per delineare la nostra strada possiamo puntare lo sguardo su di noi, sulle nostre propensioni e su quello che siamo in grado di fare.

E, in seguito, capire come migliorare.

Quando finiamo le scuole superiori abbiamo il potere di prendere in mano le decisioni più importanti della nostra vita e possiamo farlo ponendo noi stessi al centro.

Abbiamo tutti delle potenzialità, siamo tutti portati per qualcosa.

Ad esempio, io ho sempre avuto una passione per la scrittura e, dopo aver studiato il Percorso SEO su start2impact e aver appreso le competenze necessarie per migliorare, adesso ricopro un ruolo lavorativo in questo ambito.

Chi ha una passione per i calcoli matematici e la logica, invece, potrebbe essere un ottimo programmatore e non saperlo ancora!

Ovviamente, se sentiamo di avere una propensione per qualcosa e decidiamo di assecondarla, abbiamo anche il dovere di impegnarci per migliorare giorno dopo giorno.

In sostanza, di conoscere e sviluppare delle hard e soft skill.

Investire tempo ed energie in un progetto personale, quindi, può aprirci a numerose possibilità.

Una di queste, ad esempio, è lo studio delle competenze digitali.


5. Formarsi nelle nuove competenze digitali 

cosa fare dopo il diploma non università

Come accennato nel paragrafo precedente, le competenze digitali possono aiutarci nel concreto a rispondere alla domanda: “Cosa fare dopo il diploma?”

Oggi si sente sempre più spesso parlare di “mondo digitale” e di tutti i lavori legati a questo ambito, ma ancora pochi intraprendono una formazione nel digitale perché hanno paura di sbagliare strada o dubitano di poter trovare un lavoro “reale” in questo settore. 

La realtà è che nel vasto mondo del web esistono centinaia di corsi online da cui poter iniziare a studiare il digitale. 

Siamo costantemente a contatto con la tecnologia e tutto ciò che ne è collegato: Influencer su TikTok, Content Creator su Instagram, YouTuber, sponsorizzate sui social network, siti web e blog riguardanti i nostri interessi, ecc.

Dietro ognuna di queste professioni e attività, ci sono competenze che si possono imparare e sviluppare.

Ad esempio, la capacità di registrare ed editare video, realizzare contenuti ad-hoc per i social, creare siti web, grafiche, loghi o occuparsi del marketing di prodotti o servizi per pubblicizzare un determinato brand.

Se questo mondo ti incuriosisce, allora potrebbe essere una strada da prendere in considerazione dopo il diploma! 

La versatilità del mondo digitale ti permette di sperimentare, realizzarti e trovare il tuo posto nel mondo, anche grazie a scuole di formazione che ti aiutano a trovare lavoro.

Quando personalmente ho capito di volermi mettere in gioco e migliorare nella scrittura, cercavo un posto in cui poter studiare e mettere in pratica tutto quello che imparavo.

Così ho trovato start2impact e mi sono iscritta!

Si tratta di una scuola di formazione online sulle professioni digitali che sta permettendo a migliaia di giovani di crescere insieme, studiare, fare pratica con il supporto di professionisti del settore e trovare un lavoro nel quale realizzarsi.

Scopriamola nel dettaglio:


Gli argomenti di studio (puoi cambiare senza vincoli)

start2impact percorsi

All’interno della piattaforma trovi 6 Argomenti di studio, a tua scelta: Digital Marketing, Sviluppo Web e App, Data Science, UX/UI Design, Startup e Blockchain.

Dato che il periodo dopo il diploma è un momento un po’ confuso, in cui non siamo sicuri al 100% delle nostre decisioni, è più che lecito cambiare idea, tornare indietro e provare altro.

Ecco perché in start2impact tutti gli Argomenti sono inclusi in un unico abbonamento: in questo modo gli studenti possono provare più Percorsi, senza vincoli di costo o di scelta.


• I Progetti Pratici (no ansia, non sono verifiche in classe)

Quello che ti permette davvero di formarti in modo completo, è la possibilità di metterti alla prova realizzando dei Progetti Pratici individuali.

Per ogni progetto realizzato, ogni studente riceve un Feedback Personalizzato da un Coach di start2impact, ovvero un professionista del settore che ti spiega esattamente cosa hai fatto bene e cosa, invece, potresti migliorare. 

Ma sono come le verifiche in classe? 😨

Assolutamente no!

Quello di cui in molti si lamentano al termine di un percorso di studi teorico è la mancanza di praticità, che non li fa sentire in grado di candidarsi per le offerte di lavoro.

Per questo in start2impact sono stati introdotti i Progetti Pratici: servono a mettere subito in pratica ciò che impari, così non puoi dimenticarlo già il giorno dopo (triste verità, succede sempre).

Poi, facendo tanti Progetti, puoi creare e arricchire il tuo Portoflio nel tempo, così quando durante un colloquio ti chiederanno “hai esperienza pregressa?” non farai scena muta e potrai mostrare tutto ciò che hai realizzato fino a quel momento! 


• Sì, ma dopo? Come lo trovo il lavoro? (ecco cosa potrai raccontare ai tuoi genitori)

I Percorsi più completati dagli studenti e più richiesti dalle aziende garantiscono uno stage retribuito al loro termine.

Diversamente da altre scuole di formazione che ti garantiscono uno stage solo nelle loro aziende partner, start2impact ti supporta finché non trovi la realtà più adatta a te anche in aziende fuori dal network.

E dopo lo stage?

Fino ad oggi, il 98% degli studenti è stato confermato con un contratto di apprendistato che si è poi trasformato in un contratto a tempo indeterminato.

Il restante 2% è stato supportato fino a trovare nuove opportunità, anche quando l’abbonamento era scaduto.

A questo link trovi le storie di alcuni nostri studenti che sono riusciti a trovare lavoro al termine del Percorso o addirittura prima di finirlo!

Grazie a questo e ad altri servizi che mettiamo a disposizione, ad oggi più di 950 startup, agenzie e grandi aziende hanno assunto gli studenti di start2impact.


Conclusione

Conoscevi già alcune di queste opzioni?

Spero di averti dato una mano a riflettere su quale strada intraprendere dopo il diploma. 

E se il digitale ti incuriosisce e ti piacerebbe cominciare un percorso di formazione per sviluppare competenze in questo settore, sappi che su start2impact hai una prova gratuita di 7 giorni per provare la piattaforma e capire se fa per te!

Clicca qui per saperne di più e dare un’occhiata a tutti i Percorsi disponibili!