torna al Blog
Categorie
Lavoro

Come trovare lavoro in quarantena: 5 semplici step da seguire

Non sai come trovare lavoro in quarantena? Non preoccuparti, oggi vedremo 5 semplici step che ti permetteranno di trovare lavoro da remoto!

Non sai come trovare lavoro in quarantena e sei alla ricerca di una soluzione?

Non preoccuparti, oggi te ne darò ben 5 da prendere in considerazione!

Vedremo esattamente come scrivere un curriculum online di successo, come sfruttare al massimo le potenzialità di LinkedIn, come ricercare il lavoro che fa per te senza perdere tempo e ancora tanto altro.

Pronto per dare una svolta alla tua vita e iniziare finalmente a lavorare da remoto?

Seguimi passo passo e vedremo insieme come fare!

1. Scrivere un Curriculum Online di successo 

trovare lavoro in quarantena curriculum online

Prima di iniziare a cercare lavoro in quarantena, sarà bene avere a portata di mano un curriculum da mostrare a possibili selezionatori.

È importante che sia scritto per il meglio e che metta in luce i tuoi punti di forza e anche la tua personalità.

Ne hai uno di questo tipo?

Se la risposta è no, sappi che è normalissimo.

Spesso tendiamo a dare per scontato che il curriculum sia solo una lista di esperienze lavorative e di formazione, ma in realtà è molto di più!

Ho scritto un blogpost a riguardo, in cui dò ben 5 consigli per creare un curriculum online perfetto e ottenere il lavoro dei tuoi sogni

Se te lo sei perso, clicca sul link e recuperalo subito!

Se, invece, vai di fretta, ecco a te un sunto di quanto detto:

  1. Cura l’introduzione del tuo curriculum online: questa è l’occasione giusta per farci conoscere dall’esaminatore e per esprimere, anche in minima parte, alcuni tratti della nostra personalità.

    Sarà stra-importante riuscire a personalizzare questa sezione il più possibile, sfruttando anche qualche parola chiave in linea con il posto per il quale ti stai candidando.

    Non sai di cosa io stia parlando? Trovi tutto nel blogpost precedente!
  1. Non parlare di tutto ciò che hai fatto: è importante che tutte le informazioni inserite nel CV siano strettamente collegate alla posizione per la quale ti stai candidando, quindi elimina quelle esperienze che non c’entrano nulla.

    Ti faccio un esempio: se voglio candidarmi per il ruolo di Digital Marketing Specialist, potrò tranquillamente evitare di parlare dell’esperienza da babysitter fatta 5 anni prima.
  1. Non sottovalutare le sezioni aggiuntive nel tuo CV online: parla dei corsi di lingue che hai fatto, delle soft skill (o hard skill) che hai sviluppato grazie ad esperienze passate come tirocini o volontariato e non dimenticare di includere informazioni sui corsi fatti, i certificati presi, premi ottenuti e hobby che hai o stai sviluppando.
trovare lavoro in quarantena colloquio di lavoro da remoto
  1. Allega una lettera di presentazione: se riuscirai a raccogliere dati utili sull’azienda per la quale vuoi lavorare, sarà utilissimo allegare al tuo CV online una lettera di presentazione in cui ti presenti ed esponi tutte le motivazioni che ti stanno spingendo a candidarti per la sua offerta di lavoro.

    Vedrai che, se saprai giocartela bene, il team apprezzerà che tu ti stia impegnando nel trovare lavoro in quarantena, questo dimostra la tua forza d’animo e la tua perseveranza.
  1. Scegli un modello per il curriculum online: impostato tutto questo, dovrai decidere come presentare il tuo CV.

    Se non è un’azienda che chiede espressamente un curriculum Europass allora evita totalmente di mandarlo.

    Un modello di quel tipo ti porterà ad uniformarti a tutti gli altri candidati, invece tu dovresti cercare di spiccare il più possibile. Giusto?

    Proprio per questo, ti consiglio di sfruttare modelli graficamente più accattivanti e preimpostati come quelli offerti da Canva.

    Noterai subito la differenza ma, soprattutto, la noteranno i recruiter!

Questo è (più o meno) tutto ciò che dovresti sapere su come si compila un buon curriculum online per trovare lavoro in quarantena, ora vediamo il resto degli step da attuare!

2. Imposta al meglio il tuo profilo LinkedIn

trovare lavoro in quarantena su LinkedIn

Hai un profilo LinkedIn?

Se la risposta è sì, ottimo! Continua a leggere perché tutto questo ti sarà utile.

Se la risposta è no, allora cosa ci fai ancora qui? Corri a creartelo!

Okay, ora ci siamo? Perfetto, partiamo subito.

Come ben saprai (o avrai da poco scoperto) LinkedIn è un ottimo social network per parlare della tua professione e per trovare persone appassionate allo stesso settore.

Ma ciò che ci offre una piattaforma di questo tipo non è solo puro e semplice networking, molto di più!

Innanzitutto, prima di avventurarci al suo interno, dovremmo capire come impostare al meglio il nostro profilo. Eccoti qualche spunto veloce da considerare:

  1. Immagine del profilo: deve essere professionale e ti si deve vedere bene il volto;
  1. Immagine di copertina: potrebbe essere del tuo team, del tuo logo o una grafica creata da te;
  1. Titolo: spiega brevemente cosa fai e, se non hai un lavoro, cosa stai studiando;
  1. Città: inserisci la tua città così da essere trovato grazie alla ricerca dei vari recruiter;
  1. Descrizione: in questa sezione cerca di coinvolgere l’utente, spiegando chi sei, cosa fai, quali sono i tuoi obiettivi, principi e valori, cercando di distinguerti da tutti gli altri e fornire già un segno distintivo grazie al quale le persone potranno ricordarti;
  1. Esperienza e Formazione: non limitarti a fare un freddo elenco delle tue esperienze, cerca di aggiungere una piccola descrizione nella quale argomenti il tuo percorso, spiegando magari difficoltà e vittorie;
  1. Skill, corsi, contatti: non dimenticarti mai di inserire le skill in cui sei più ferrato (non mentire), i corsi frequentati e i contatti attraverso i quali rintracciarti. 

Tutto questo sarà determinante durante la fase di selezione e potrà garantirti più possibilità di trovare lavoro in quarantena!

Inoltre, dovresti sapere che le modalità per cercare lavoro su LinkedIn non si fermano solo alla semplice sezione “Offerte di Lavoro”.

Infatti, potresti considerare l’idea di iniziare a commentare i post di aziende per le quali vorresti lavorare, dando valore e mettendo in luce le tue capacità!

Naturalmente, evita di essere troppo autoreferenziale, ma cerca di instaurare sin da subito dei rapporti genuini così da farti realmente apprezzare.

Sarà proprio allora che, un profilo LinkedIn ben impostato, potrà farti giocare il tutto per tutto nella tua ricerca al lavoro in quarantena!

3. Piattaforme per trovare lavoro in quarantena

trovare lavoro in quarantena da remoto piattaforme online

Oltre a LinkedIn, un altro modo per trovare lavoro in quarantena è sicuramente quello di consultare delle piattaforme adibite proprio a questo scopo.

Hai mai sentito parlare di Indeed, ad esempio?

Si tratta proprio di siti web (alcuni correlati anche da app per smartphone) che permettono di cercare lavoro in tutta Italia o, addirittura, in tutto il mondo!

Ti ho nominato Indeed perché credo, personalmente, che sia una delle piattaforme che più potrà aiutarti a trovare lavoro in quarantena, sia perché è tra le più utilizzate dalle aziende (quindi troverai più offerte), sia perché ti permette di leggere delle recensioni su quelle realtà, scritte direttamente da chi ci ha lavorato.

In questo modo, potrai farti un’idea ben chiara di quell’attività prima di mandare una qualsiasi candidatura.

Non dimenticare che, specie in questo caso, un curriculum ben scritto potrà sicuramente fare la sua parte!

Alcune piattaforme permettono di cercare direttamente lavoro da remoto inserendo questa opzione tra i filtri, per altre invece basta scriverlo nella barra di ricerca. 

In ogni caso, in questo periodo sarà raro trovare offerte per una posizione in sede quindi non dovresti avere problemi!

Oltre Indeed, per trovare lavoro in quarantena da remoto, ti consiglio:

4. Piattaforme di Freelancing per trovare lavoro in quarantena

trovare lavoro in quarantena come freelancer

Un altro modo per trovare lavoro in quarantena, è quello di affidarsi a piattaforme di freelancing.

Ne hai mai sentito parlare?

Questo tipo di piattaforme permettono a lavoratori autonomi di mettersi in contatto con aziende o startup che stanno ricercando un determinato lavoro.

Mi spiego meglio: se un’azienda ha bisogno di un logo non andrà ad assumere un grafico per l’occasione, bensì preferirà commissionargli questo lavoro mantenendo quindi un rapporto di collaborazione occasionale.

Capito che intendo?

Ecco, questi siti web esistono proprio per questo e fungono un po’ da tramite.

Se pensi di avere delle competenze immediatamente spendibili per offrire servizi one-shot, questo è sicuramente uno dei metodi più veloci per trovare lavoro in quarantena!

Non sai a quali piattaforme affidarti?

Non preoccuparti, eccone alcune da appuntare nella tua agenda:

  1. Fiverr: un marketplace online per freelancer, in cui è possibile trovare professionisti specializzati in tantissimi campi, pronti ad offrire i loro servizi.

    La particolarità è che con un solo account puoi vendere e comprare servizi, quindi se un’azienda vorrà un servizio da te, potrai venderglielo al prezzo che meglio credi. 

    Se, invece, avrai bisogno di supporto per una mansione in particolare, potrai affidarti ad uno dei tanti specialisti in piattaforma per commissionargli quel lavoro.

    È una figata, non credi?
  1. Upwork: con ben 10 milioni di freelancer e 4 milioni di clienti, le opportunità da cogliere sono tantissime, specie se si è alle prime armi e si cerca qualche lavoretto con cui iniziare a fare un po’ di esperienza.

    Se hai un’agenzia, potrai registrarti come tale, per far capire che dietro di te hai già una realtà ben strutturata.

    L’unica nota negativa è che spesso i progetti prevedono una retribuzione un po’ bassa e, se non si è molto ferrati con l’inglese, ci potrà essere qualche problema iniziale nel familiarizzare con la piattaforma.
  1. 99designs: parliamo della più grande piattaforma online per l’offerta di servizi di grafica, va da sé che, in questo caso, potrai decidere di iscriverti solo sei un grafico.

    Con più di 1 milione di utenti iscritti, provenienti da tutto il mondo, se sei alla ricerca della possibilità di rifarti il portfolio durante una pandemia globale, questo è il momento adatto!

Tieni sempre a mente che in questo tipo di piattaforme sarà più facile per te trovare lavoro in quarantena soprattutto se sei specializzato in uno di questi campi:

  • Grafica e Design
  • Digital Marketing
  • Copywriting
  • Traduzione
  • Video e Animazioni
  • Musica e Audio
  • Programmazione e Tecnologia
  • Business
  • Intrattenimento e Lifestyle

Infatti, per la natura stessa di queste piattaforme e del lavoro richiesto (da remoto) sarà un grandissimo vantaggio svolgere un lavoro nel digitale e il catalogo di offerte per te sarà pressoché infinito!

5. Cura la tua Formazione: libri, corsi e tanto altro

studiare nel tempo libero in quarantena

Siamo arrivati alla fine di questa piccola guida su come trovare lavoro in quarantena, ovviamente da remoto.

Ecco cosa abbiamo visto insieme:

  • Come poter impostare il nostro curriculum per colpire l’attenzione dei recruiter;
  • Come organizzare al meglio il nostro profilo LinkedIn per sfruttare le potenzialità del networking;
  • Come poterci proporre ad attività di nostro interesse sia per una collaborazione più duratura che per una occasionale, utilizzando apposite piattaforme.

Ma se non siamo abbastanza preparati per trovare lavoro in quarantena dall’oggi al domani? 

Se non abbiamo esperienze pregresse e non siamo totalmente autonomi in una disciplina ben specifica?

C’è una soluzione a tutto questo?

La risposta è: assolutamente sì!

In un articolo in particolare abbiamo parlato di cosa fare nel tempo libero, suggerendo 5 modi per essere produttivi in quarantena, uno di questi riguardava proprio il concetto di investire su se stessi e quindi di intraprendere delle azioni dedicate esclusivamente al tuo arricchimento personale, professionale e culturale.

Alcune di queste azioni, appunto, possono riguardare la lettura di libri o lo studio di corsi appositi per accrescere le tue conoscenze in una determinata materia.

Se c’è un lavoro in particolare che sogni di fare, questo è proprio il momento adatto per iniziare ad approfondire le materie che lo compongono, così da ripartire al massimo o, appunto, così da trovare lavoro già in quarantena!

Puoi decidere di acquistare libri fisici o ebook, di informarti direttamente dai contenuti gratuiti su internet o di seguire percorsi ben definiti a pagamento.

Le possibilità sono infinite, l’importante è che tu faccia ciò che ti piace e che hai sempre voluto fare.

L’idea migliore sarebbe proprio quella di sviluppare le tue competenze digitali visto che, come avrai notato, sono quelle più richieste tra le varie piattaforme di freelancing (e non).


Se pensi che il mondo del digitale possa fare al caso tuo e l’idea di intraprendere una carriera in lavori innovativi ti entusiasma, allora dai un’occhiata a start2impact!

All’interno troverai percorsi in tantissime discipline diverse: digital marketing, programmazione, UX/UI design, intelligenza artificiale e tanto altro.

Ormai, già più di un centinaio di ragazzi in tutta Italia hanno trovato lavoro (anche da remoto) e continuano a farlo tutt’ora, nonostante la quarantena.

Questo grazie a più di 200 startup e grandi aziende partner che non vedono l’ora di assumere ragazzi con tanta voglia di fare!

Se è vero che investire su se stessi è il miglior investimento che tu possa mai fare, allora questa è proprio un’occasione da non farti scappare.

Inizia a costruire il tuo futuro lavorativo già da oggi, scopri start2impact!


Non perderti il prossimo blog post. Seguici su Telegram!